testata per la stampa della pagina

Commissione intercomunale vigilanza locali

La Commissione Intercomunale di Vigilanza sui Locali di Pubblico Spettacolo:

 
  • dà parere sui progetti di nuovi teatri, cinema, altri locali di pubblico spettacolo, ovvero su progetti concernenti sostanziali modifiche ai locali esistenti
  • verifica le condizioni di solidità, di sicurezza, e d'igiene dei locali stessi ed indica le misure e le cautele necessarie sia nell'interesse dell'igiene che della prevenzione degli infortuni
  • esprime parere in merito allo svolgimento di manifestazioni temporanee organizzate presso i comuni convenzionati.
 

Il fine della Commissione è quello di consentire la realizzazione di locali pubblici e lo svolgimento di manifestazioni temporanee, garantendone congiuntamente il rispetto delle varie normative vigenti in materia acustica, ambientale, elettrotecnica, antincendio, igienico-sanitaria, ecc.

 

Competenze

Il riparto delle competenze si basa sull'affluenza massima prevista o consentita dal locale/area di svolgimento della manifestazione, pertanto:

 
  • sino a 200 persone è sufficiente la presentazione di Denuncia di Inizio Attività ai sensi dell'art. 69 del T.U.L.P.S., redatta dal titolare dell'attività, alla quale dovranno essere obbligatoriamente allegate le planimetrie dei locali/aree, eventuali certificati già in possesso del richiedente, nonché relazione tecnica (redatta da professionista abilitato) asseverante il rispetto della normativa vigente in materia edilizia, acustica, ambientale, elettrotecnica, antincendio, igienico-sanitaria, ecc.
  • da 200 a 5000 persone l'esame della documentazione è di competenza della Commissione Intercomunale di Vigilanza sui Locali di Pubblico Spettacolo
  • oltre le 5000 persone l'esame spetta alla Commissione Provinciale di Vigilanza sui Locali di Pubblico Spettacolo, istituita presso la Prefettura di Lodi.
 

Tuttavia, in base alla Circolare della Prefettura di Lodi cui prot. n. 862/02 C.P.V.L.P.S. del 18 marzo 2002 "Applicabilità dell'art. 4 del D.P.R. 311/2001, si evidenzia che, se ritenuto opportuno da parte dei responsabili funzionari comunali, è possibile l'esame del progetto, da parte della Commissione Intercomunale, anche per i locali di pubblico spettacolo aventi capienza massima inferiore a 200 persone.

Composizione

La Commissione Intercomunale di Vigilanza sui Locali di Pubblico Spettacolo è composta:

 
  • dal Sindaco o suo delegato con funzioni di Presidente;
  • dal Comandante del Corpo di Polizia Municipale, o suo delegato;
  • dal dirigente medico A.S.L. della Provincia di Lodi, o suo delegato;
  • dal dirigente dell'Ufficio Tecnico comunale, o suo delegato;
  • dal Comandante Provinciale dei Vigili del Fuoco di Lodi, o suo delegato;
  • da un esperto in elettrotecnica;
  • da un rappresentante delle associazioni sindacali operanti sul territorio;
  • da un rappresentante delle associazioni di categoria operanti sul territorio;
 

In relazione al progetto da esaminare, la Commissione viene inoltre integrata:

 
  • dal dirigente esperto in acustica presso A.R.P.A. Dipartimento Provinciale di Lodi, o suo delegato;
  • dal legale rappresentante dell'associazione/società richiedente;
  • da dirigente dell'Ufficio Tecnico comunale, o suo delegato (nel caso il progetto riguardasse comuni convenzionati con il Comune di Codogno)
 

Elenco dei Comuni convenzionati per la gestione della Commissione:

 
  • Camairago
  • Caselle Landi
  • Castelnuovo Bocca d'Adda
  • Cavacurta
  • Corno Giovine
  • Cornovecchio
  • Fombio
  • Guardamiglio
  • Maccastorna
  • Maleo
  • Meleti
  • Orio Litta
  • San Fiorano
  • San Rocco al Porto
  • Santo Stefano Lodigiano
 
 
 
Ultima Modifica: 21 Dicembre 2016
Valuta questo sito: Rispondi al questionario